Il progetto “La Perla del Giorno” vuole farvi sorridere con noi per le situazioni comiche che capitano in ufficio. Nei dialoghi contrassegneremo con la lettera C il candidato e con la lettera S il selezionatore.

Oggi è il primo lunedì di Settembre e noi che facciamo questo santo lavor, sappiamo che in questo esatto giorno dell’anno il candidato si trasforma. E la metamorfosi, anche in questo tranquillo lunedì settembrino, è avvenuta. Il confine tra essere candidato il 31 Agosto ed essere candidato il 2 Settembre è labile e beffardo.

In poche ore, la tua forma mentis, le tue credenze, le tue certezze e anche il tuo corpo cambiano.

Se prima ti sentivi appagato, rilassato, svogliato, abbronzato e idealmente impegnato, non rispondevi al telefono manco se ti pagavano, magari avevi ancora qualche spicciolo di sussidio di disoccupazione in tasca, il 2 settembre, no. Improvvisamente ti senti povero, disoccupato, frustrato. Sei aggressivo e pieno di ambizioni. Ti metti un sacco di profumo che manco nella stagione degli amori dei macachi si vedono cose del genere.

La prima idea è di precipitarti in un’agenzia per il lavoro, loro, sì, quelli che ti hanno chiamato tutta estate per proporti lavori temporanei, proprio mentre dormivi bello comodo in spiaggia. Adesso sei pronto per lanciarti nel mercato del lavoro – beh magari meglio dalla prossima settimana, giusto per entrare nell’ottica.

Mentre cammini verso la porta d’ingresso pensi che hai già in mente la frase per fare colpo, incorniciata dalla tua dentiera splendente.

Finalmente ti ricevono, lasci il curriculum, l’ansia comincia a salire dopo qualche domanda dettagliata. Il selezionatore lo nota subito perché ti gratti talmente tanto la faccia e il collo che sembra che un gatto selvatico ti abbia usato come tiragraffi.

Ultima domanda e poi è fatta, ti chiameranno, sei sicuro:

S: Sei automunito?

C: Sì. (paonazzo)

Dopo un sospiro, ti senti di aggiungere un dettaglio che chiarisca meglio la tua affermazione e continui:

C:  Cioè, io ho la macchina per andare a lavorare, ma non ho la macchina per lavoro! Non so se mi sono spiegato.

(Lascio ai discreti lettori ogni riflessione in merito e, un consiglio, AUTOMUNITEVI!)